GHIACCIO ALIMENTARE: LA CONTAMINAZIONE E' DIETRO L'ANGOLO

GHIACCIO ALIMENTARE: LA CONTAMINAZIONE E' DIETRO L'ANGOLO 13 set

Quanti di noi, almeno una volta, hanno creato il ghiaccio direttamente in casa per poter raffreddare bibite e creare cocktail.

Il ghiaccio alimentare può essere contaminato da diverse specie di batteri, a causa dell'utilizzo di acqua non pura, mancata sanificazione dei macchinari, scarsa igiene che possono colpire i consumatori. 

Di seguito vi elencheremo 10 regole base per creare del ghiaccio sicuro in casa: 

1) Pulire il vano refrigerante ogni volta che si accumulano residui di cibo o ghiaccio sulle pareti;

2) Pulire le vaschette con detersivi per i piatti prima di ogni nuovo utilizzo;

3) Refrigerare rapidamente l'acqua posta nelle vaschette a -18°;

4) Conservare ad almeno 5-10° sotto zero per evitare ricongelamenti;

5) Isolare le vaschette da quanto contenuto nel freezer coprendole con un foglio di alluminio;

6) Conservare il ghiaccio per non più di 4-6 settimane dalla preparazione;

7) Utilizzare il ghiaccio conservato in ciascuna vaschetta solo una volta;

8) Facilitare l'uscita del ghiaccio dalle vaschette ponendole brevemente sotto l'acqua calda;

9) Utilizzare pinze o cucchiaini puliti per trasferire il ghiaccio;

10) Pulire attentamente (nel caso in cui si abbia) il macchinario per tritare il ghiaccio.



Cerca articoli

Richiedi Informazioni